Quando si parla di cani anziani malati e bisognosi di terapie e cure, è doveroso fermarsi un attimo per prendere in considerazione la situazione e valutare la strada migliore da percorrere. In caso di anestesia cane anziano, infatti, si parla addirittura di categoria anestesiologica particolare. Con l’avanzare dell’età e il trascorrere degli anni, avvengono molte modificazioni fisiologiche. Si tratta di cambiamenti fisiologici comuni nel normale invecchiamento. Questo, ovviamente, non significa che un cane di 16 anni non possa subire un’operazione o subire un’anestesia. Fido potrà ricevere tutte le cure del caso, ma il medico veterinario dovrà tenere conto delle possibili complicazioni legate all’avanzamento dell’età

anestesia cane anziano


Indice

Valutare l'anestesia cane anziano
Come funziona l'anestesia cane anziano

Valutare l'anestesia cane anziano

Sebbene nonostante l’età, Fido non presenti alcun tipo di acciacco o patologia specifica, i suoi organi, con il trascorrere del tempo, hanno funzionalità ridotte e tessuti stressati. L’anestesia cane anziano potrebbe, dunque, incidere sul normale equilibrio dei diversi apparati. Occorre prestare maggiore attenzione soprattutto ai reni, al fegato e al cuore. È bene tenere a mente che, anche in assenza di specifici sintomi, il cane anziano potrebbe, comunque, essere già affetto da qualche patologia. Il problema maggiore, e che anche un buon medico veterinario non sempre riesce a constatare, è che la patologia può essere presente, ma compensata e non evidente. Durante l’anestesia cane anziano, dunque, potrebbe manifestarsi clinicamente e l’organismo potrebbe non riuscire a stabilire l’equilibrio.

I cani anziani subiscono un decadimento delle funzionalità del sistema nervoso centrale. Quest’ultime, a seguito dell’anestesia, potrebbero essere peggiorate, anche in modo permanente. È fondamentale essere presenti e farsi sentire dal proprio Fido, soprattutto al risveglio dell’operazione e nelle ore di smaltimento dell’anestesia.

Altri aspetti da valutare attentamente nell’anestesia cane anziano sono l’apparato cardiocircolatorio, la respirazione e i reni. In caso di anomalie, è molto importante evitare situazioni di scompenso per Fido. Un approccio che si è soliti seguire riguarda il dosaggio dell’anestetico: in quantità ridotte e con una somministrazione lenta.

Come funziona l'anestesia cane anziano

Prima dell’anestesia cane anziano è fondamentale eseguire una visita anestesiologica accurata e meticolosa. È importante indagare sul grado di attività fisica e tolleranza di Fido. Sono sempre consigliati gli esami emato-biochimici del sangue e, in casi particolari la radiografia del torace, l’ECG  e un’ecocardiografia. Al fine di preparare al meglio il vostro fedele amico peloso a quattro zampe, vi consigliamo di leggere il nostro articolo sull’anestesia del cane prima di un intervento. Per la buona riuscita della preparazione e dell’intervento è, comunque, consigliabile affidarsi a medici veterinari esperti e di massima fiducia.